LUCE ARTE DESIGN

Paratissima conquista la Reggia

Progetto dell’assessore alla Cultura Coppola: espandiamo il modello della rassegna di San Salvario a Venaria con 1000 nuovi, giovani artisti che comporranno un’unica grande opera d’arte e altre performance nei giardini

emanuela minucci

torino Se lo lascia sfuggire mentre curiosa fra gli stand dell’Oval. «Paratissima è un gran progetto, ma l’edizione 2012 andrà oltre ogni immaginazione». E’ abbastanza normale che il pensiero dell’assessore alla Cultura della Regione Coppola vada oltre la cinta daziaria e si occupi (vista la sua età under 40) dei giovani di Paratissima. Ma stavolta l’idea è già diventata progetto. E piacerà non poco.

Si tratta dello sbarco del modello – e della freschezza – di Paratissima fuori da San Salvario per costruire un evento estivo in una cornice straordinaria di richiamo internazionale. Un modo anche per proporre una chiave di lettura diversa per la Reggia, per i giardini e per Venaria, una sorta di aggiornamento del Venaria Real Festival. Ma più nei dettagli come funzionerà l’evento? «Si tratta di un migliaio di artisti chiamati da tutto il mondo a Venaria – spiega Coppola – per realizzare una grande opera d’arte. Si tratta di 10-14 giorni di live performance: ogni artista realizza un’opera che andrà a comporre il grande puzzle costituito dal contributo di tutti».

Il motivo per cui la Regione ha già proposto agli organizzatori di Paratissima l’espansione a Venaria è che la manifestazione riscuote ogni anno sempre maggiore successo. «Vorremmo esportare il modello Paratissima alla Reggia per la prossima estate e vedere, negli spazi esterni e nei giardini, centinaia di giovani artisti che lavorano e che portano la creatività contemporanea in una delle più belle cornici d’Europa – spiega Coppola – la Venaria dimostrerà così di saper coniugare la sua identità di residenza Reale con i linguaggi della modernità. Vorrei che anche la città di Venaria si unisse per estendere nelle vie e nelle pazze lo spirito e la positività che in questi giorni sta contagiando San Salvario». Nata come manifestazione «off» di Artissima, e giunta ormai alla settima edizione, è diventata in poco tempo una delle iniziative di punta del programma di arte contemporanea a Torino a suon di musica, spettacoli teatrali, e altre attività speciali che creano un’atmosfera creativa unica nel suo genere.

Nel 2010 è cresciuto il numero di presenze, passando dai 40.000 agli 80.000 portando, per il terzo anno consecutivo l’onda degli appassionati di arte contemporanea e happening nel quartiere di San Salvario. Con una dimensione economica complessiva stimata su circa 120 mila euro, la kermesse ha visto la partecipazione di oltre 450 artisti (370 nel 2009), e la realizzazione di oltre 150 eventi, generando una ricaduta economica diretta quantificata intorno al milione e mezzo di euro solo nel quartiere di San Salvario.

Scopri il Nostro Catalogo